Sei qui':   Home Poliambulatori Aquafit Poliambulatori Area riabilitativa in acqua e in palestra

Aquafit

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Area riabilitativa in acqua e in palestra

Stampa E-mail

Idrokinesiterapia:


è una rieducazione in acqua, si tratta di una metodica accessibile a tutti e che non presenta particolari controindicazioni. Grazie all’acqua calda e all’assenza di gravità, il carico a livello della colonna e dei dischi intervertebrali è ridotto ed i pericoli di lesione dell’apparato osteotendineo e muscolare sono minimizzati. Inoltre l’effetto di galleggiamento prodotto sul corpo dalla spinta dell’acqua elimina il 50-80% del peso del corpo, permettendo l’esecuzione di movimenti non effettuabili in altre condizioni. L’immersione in acqua sposta il centro di gravità del corpo, richiedendo un maggiore controllo nel mantenimento della postura con una conseguente progressiva e solida presa di coscienza del proprio corpo. Un altro benefico effetto prodotto dall’acqua è quello del massaggio: i vortici generati artificialmente o naturalmente dal movimento subacqueo determinano un’azione massaggiante che favorisce il drenaggio dei tessuti, ottimizzando la circolazione linfatica e stimolando la circolazione periferica. L’idrokinesiterapia è indicata nelle patologie neuromotorie in quanto permette una graduale ricerca della coordinazione, sfrutta l’azione del calore dell’acqua sulla spasticità, favorisce l’integrazione della sensibilità propriocettiva ed esterocettiva. La concessione del carico così come l’impostazione della deambulazione può essere precoce e progressiva per l’effetto della spinta idrostatica che diminuisce il peso del corpo da sopportare. Nelle patologie ortopediche l’idrokinesiterapia è uno strumento alternativo, se non elettivo, per favorire la mobilità articolare, il recupero dell’ampiezza dei movimenti, la forza muscolare e quindi si colloca a seconda dello scopo che si vuole ottenere, addirittura prima della riabilitazione tradizionale o in associazione ad essa. Esiste anche un’indicazione per le affezioni reumatiche quali artriti, spondiliti, periartriti sub acute. Un effetto molto significativo si può avere nelle turbe relazionali in quanto l’acqua rappresenta un eccellente mezzo per favorire la presa di coscienza delle proprie possibilità di movimento e di relazione, presupposti fondamentali per creare un rapporto positivo con la realtà esterna ed una motivazione per perseverare nelle proprie ed altrui emozioni.

 

Tecniche di rilassamento in acqua calda - Watsu

Il Watsu (Water-Shiatsu) è un trattamento di riequilibrio psico-fisico che unisce i benefici di un'antica forma di massaggio curativo orientale (Shiatzu) con le virtù dell'acqua calda.
La particolarità del Watsu è basata sulla leggerezza del corpo in acqua che, con movimenti lenti simili ad una danza in armonia con il respiro,  favoriscono così la naturale rigenerazione del corpo e della mente: i movimenti sono idrodinamici e spaziosi, con i movimenti ondeggianti dell'onda che integrano il corpo e liberano le energie in esso bloccate.
Una seduta di Watsu è un'esperienza ogni volta unica e diversa: pressioni e stiramenti si alternano a culle, dondolii e movimenti spontanei facendo ritrovare al proprio corpo una nuova energia; la mente si rilassa e riesce a percepire tutte le sensazioni e gli impulsi che il corpo trasmette; l'acqua calda stimola ogni cellula del corpo, lasciando fluire le emozioni: corpo e mente ritrovano così il loro naturale equilibrio
Le potenzialità del Watsu sono vaste come i suoi effetti benefici: dopo una seduta di Watsu ci si sente subito rigenerati, rilassati ed integri.
Nell’apparato locomotore si riduce la tensione muscolare, aumenta l’escursione articolare, migliora la postura; sul trofismo locale, questa tecnica agisce aumentando la circolazione di superficie.
Il pattern respiratorio riceve un nuovo equilibrio, mentre gli stati d’ansia e lo stress traggono beneficio dall’incontro con le proprie energie interiori.
Il Watsu è inoltre indicato come “nurturing bodywork” per aiutare chi abbia subito abusi mentali, fisici e sessuali, nella farmaco- e tossico-dipendenza.
In Giappone è stato introdotto nella preparazione atletica delle squadre di nuoto agonistico.
Il Centro Studi per la Nascita Naturale di Mestre-Venezia, al quale va il merito di aver introdotto Watsu in Italia nel 1990, propone questa metodica durante la gravidanza e come percorso di formazione per gli operatori che si occupino della nascita.
Le sedute singole, della durata di 45 minuti ciascuna, si svolgono insieme alla fisioterapista nella piscina riabilitativa, in acqua calda a 34° C.

 

Riabilitazione dello sportivo:


la medicina fisica e riabilitativa può dare un contributo significativo alle lesioni derivanti da attività sportiva, poiché la maggior parte di queste sono muscolo-scheletriche e non richiedono un trattamento chirurgico. Nello stesso tempo può inserirsi un programma di prevenzione, cercando di evitare i deficit biomeccanici o della catena cinetica con l’allenamento alla forza e l’allenamento aerobico, in funzione del tipo particolare di Sport. Inoltre, grazie all’utilizzo di specifiche strumentazioni assistite da computer, è possibile effettuare accurati test valutativi della funzionalità articolare. I Poliambulatori Aquafit già collaborano con diverse società sportive seguendo con i propri fisioterapisti, direttamente gli atleti durante le competizioni, in modo da poter intervenire tempestivamente in caso di infortunio.
Back School: La Scuola della Schiena

back-school

I Poliambulatori Aquafit sono membri dell’Associazione Back School Italia.

Visita il Sito http://www.backschool.it/italia/veneto.htm

 La Back School, basandosi sull’eziologia della lombalgia e unendo i contributi della medicina, dell’ergonomia, della psicologia e dell’educazione alla salute per prevenire e curare le algie vertebrali, si è dimostrata la metodica più efficace e duratura nel trattamento del mal di schiena.

E’ in un certo senso un approccio rivoluzionario, perché rende il soggetto sofferente di dolori vertebrali non più passivo esecutore di cure prescritte dal medico, ma attivo protagonista del suo trattamento: la prima persona interessata diventa anche il primo responsabile.

Grazie alla Back School è possibile:

  • acquisire tutte le informazioni utili per imparare ad usare bene la sua colonna vertebrale ed evitare di azionare il meccanismo che produce il dolore;
  • conoscere gli esercizi utili per prevenire e combattere il dolore;
  • apprendere le tecniche di rilassamento per raggiungere l'autogestione della propria ansia e delle proprie tensioni;
  • acquisire un atteggiamento di fiducia con la capacità di autogestire la propria colonna vertebrale attraverso un  impegno personale.

In presenza di dolore acuto la Back School è utile per riequilibrare tempestivamente le strutture della colonna vertebrale e ridurre il dolore; in presenza di dolore cronico la Back School è fondamentale per agire sulle cause che rendono il dolore persistente.

Per questi motivi la Medicina basata sull’evidenza consiglia la Back School a chi soffre di mal di schiena.

Il percorso minimo consigliato di 10 sedute, della durata di 50 minuti ciascuna, si svolge in gruppo insieme alla fisioterapista nella palestra riabilitativa.

 

ragazze

 

 

Sul nostro sito utilizziamo solo cookie tecnici e di analisi per il corretto funzionamento e non utilizziamo cookie di profilazione o di terze parti. Grazie alla normativa UE , siamo obbligati a chiedere il vostro consenso. Si prega di accettare i cookies e per il caricamento delle informazioni, proprio come qualsiasi altro sito su Internet . Utilizzando il nostro sito web si accetta la nostra Privacy Policy e Termini di servizio . Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Cookie Law.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information