Sei qui':   Home Infanzia Casa mia Scuola Infanzia Inserimenti programmazione

Casa mia

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Infanzia

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
Inserimenti programmazione

Scuola infanzia- Inserimenti - Programmazione

Stampa E-mail
SCUOLA DELL'INFANZIA
 
 

PROGETTO ACCOGLIENZA/INSERIMENTO


L'ingresso alla scuola dell'infanzia costituisce l'inizio di un nuovo cammino, che vede il bambino il più delle volte alla sua prima esperienza nel sociale, in un nuovo ambiente e in relazione con persone che non appartengono al suo contesto familiare, e nel quale si attiva quindi una nuova percezione dell'io. Il momento dell'accoglienza pone le basi per una fattiva collaborazione scuola¬-famiglia, facilita il processo di "separazione" dall'adulto, particolarmente delicato per i più piccoli, consolida il processo di " distanziamento", che è condizione indispensabile e preliminare per l'avvio del processo di socializzazione". La necessità dei bambini più piccoli di trovare anche all'interno dell'ambiente scuola un «ancoraggio» forte all'adulto, simile a quello dell'ambiente familiare, porta ad una personalizzazione dell'accoglienza di ciascun bambino, prevedendo riti, tempi e spazi di attenzione individuale. sua famiglia.
Il periodo dedicato all'accoglienza e all'inserimento non scandisce solo l'inizio dell'anno scolastico, ma costituisce l'essenza dell'esperienza educativa delle relazioni, il presupposto di tutto il cammino scolastico.
Per i bambini che dal Nido passano alla scuola dell'infanzia l'inserimento avviene in una settimana in cui l'orario è dalle 7.30 alle 13.00.
I bambini che durante il precedente anno scolastico hanno seguito il progetto continuità sono sicuramente più sereni nel passaggio perché conoscono le insegnanti e gli spazi, inoltre per la prima settimana una insegnante della sezione winnie e una insegnante della sezione panda sta nella scuola dell'infanzia come riferimento per i bambini
Per i bambini esterni che non hanno frequentato il nido, si fa prima di cominciare un colloquio con i genitori; nei primi due giorni di asilo la frequenza è di circa due ore, poi si valuterà con i genitori di aumentare gradualmente il tempo di permanenza.

 

 

PROGRAMMAZIONE

 

" La Scuola dell'Infanzia" si legge nelle Raccomandazioni, " concorre, nell'ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità dei bambini, nella prospettiva della formazione di soggetti liberi, responsabili ed attivamente partecipi alla vita della comunità locale, nazionale ed internazionale.
La determinazione degli obiettivi generali deriva dalla visione del bambino come soggetto attivo, impegnato in un processo di continua interazione con i pari, gli adulti, l'ambiente e la cultura."
Tali obiettivi, indicati dal documento programmatico, sono:
la maturazione dell'identità, consiste nel "rafforzamento dell'identità personale dei bambini" sotto tre profili CORPOREO, INTELLETTUALE, PSICODINAMICO mediante una vita relazionale sempre più aperta e il progressivo affinamento delle potenzialità cognitive e comunicative.
La conquista dell'autonomia, costituisce un elemento essenziale e interconnesso alla maturazione dell'identità, per cui si può dire che queste due finalità siano strettamente collegate. Dall'altro campo la sicurezza, l'autostima e la fiducia di sé si costruiscono solo in autonomia.
lo sviluppo delle competenze inteso come consolidamento delle abilità sensoriali, percettive, motorie, linguistiche, cognitive, nelle prime forme di riorganizzazione dell'esperienza e di esplorazione-ristrutturazione della realtà.
Quando si va a fare programmazione si devono quindi seguire questi livelli essenziali traducendoli e contestualizzandoli all'interno del percorso scelto.

 

 

AMBIENTE AMICO

 

aula nido evidenza opt

 

 

Il tema del progetto di quest’anno, nasce dalle importanti esperienze che i nostri bambini hanno fatto nello scorso anno scolastico, con il tema dell’alimentazione. Dopo aver trattato ed esplorato l’alimentazione, abbiamo pensato che il passo successivo, potesse essere quello di trattare l’ambiente e le piccole regole di rispetto ambientale.

 

Ci è sembrato opportuno continuare questo argomento, per guidare i bambini ad un avvicinamento fantastico e progressivo al problema del rispetto e della conservazione dell’ambiente a partire da quello più vicino a loro ( casa e scuola) per allargarsi verso il mondo esterno.

 

L’obiettivo che si ritiene essere di primaria importanza, è quello di formare delle coscienze civili, sensibili alle problematiche ambientali fin dalla scuola dell’infanzia. E’ necessario, per questo, suscitare la responsabilità individuale e collettiva verso un bene che deve essere gelosamente custodito, perché possa passare in mano alle generazioni future. L’intervento educativo è fondamentale, affinchè il bambino impari gradualmente a “vedere” intorno a sé i disagi che l’uomo causa sull’ambiente.

 

Il progetto mira a proporre ai bambini uno stile di vita nuovo, che consenta di superare i consumi, talvolta eccessivi, di oggi che ci porta a sprecare molto di quello che abbiamo. Il buon senso e la consapevolezza dei problemi ambientali e di inquinamento ci devono suggerire una maggiore attenzione e rispetto del mondo e delle sue risorse naturali, energetiche, vegetali e animali.

 

L’itinerario educativo-didattico muove dalla naturale curiosità del bambino riguardo all’ambiente che lo circonda; attraverso l’esplorazione guidata e la continua scoperta, egli potrà così acquisire una coscienza sempre più ampia in relazione alla realtà ambientale e alle sue componenti.

 

L’interazione e i rapporti quotidiani con i compagni e gli adulti gli permetteranno di intuire la necessità di seguire norme di comportamento per “stare meglio” nell’ambiente in cui vive.

 

Nell’organizzazione del progetto si terranno in considerazione gli interessi dei bambini sfruttando,opportunamente, certi tratti caratteristici del comportamento infantile quali: la curiosità, il gusto all’esplorazione e alla scoperta.

 

Mr. Green ci accompagnerà in questo nuovo viaggio e, portandoci di volta in volta una storia che possa introdurre il nuovo argomento, ci insegnerà che l’ambiente intorno a noi, è il nostro migliore amico.

 

UN TUFFO NELLE FIABE

 

fiaba

 

 


“La fiaba è un’opera d’arte poiché è l’unica forma d’arte completamente comprensibile dal bimbino” . B.Bettelheim


Il progetto educativo di quest’anno scolastico, UN TUFFO NELLE FIABE, vuole essere una continuazione del percorso intrapreso lo scorso anno  con Ambiente Amico: partendo da Mr.Green che ci ha accompagnati alla scoperta e all’esplorazione del mondo reale, quest’anno i bambini viaggeranno nel mondo magico e fantastico attraverso le fiabe.


La fiaba, con quella sua atmosfera “speciale”, permette al bambino di identificarsi con i vari personaggi, di vivere con loro avventure, paure e sogni; le storie aiuteranno il bambino a continuare la conoscenza del mondo diventando il mezzo attraverso il quale parlare, sperimentare e condividere tante esperienze; soprattutto la fiaba, come dice Rodari, “può dare chiavi per entrare nella realtà per strade nuove, può aiutare il bambino a conoscere il mondo”.


;Le storie per i bambini rappresentano un momento “magico” della comunicazione adulto- bambino, che li porta ad immedesimarsi, riflettere, rielaborare:sono uno strumento linguistico, cognitivo, psicologico molto importante per il loro sviluppo; hanno la funzione di suggerire comportamenti ed esempi di casi della vita e, tramite l’uso di differenti toni di voce da parte del lettore che sottolineano la gravità o l’allegria del momento, trasferiscono ai bambini sia una serie di modelli da tenere come punto di riferimento sia i concetti di male e bene in rapporto agli episodi raccontati.


La fiaba consente ai bambini di esprimere la propria vita interiore, proietta le proprie emozioni, i sentimenti, identificandosi ora nel buono, ora nel cattivo,attraverso il gioco della finzione e della drammatizzazione: la fiaba così rassicura, infonde speranza nel futuro, e convince il bambino che alla fine il bene vince sempre sul male.
Ad accompagnare i bambini in questo tuffo nell’immaginario sarà la fata Lulù, che attraverso la meraviglia e la fantasia regalerà ai bambini momenti magici e ricchi di emozione.

 

 

Sul nostro sito utilizziamo solo cookie tecnici e di analisi per il corretto funzionamento e non utilizziamo cookie di profilazione o di terze parti. Grazie alla normativa UE , siamo obbligati a chiedere il vostro consenso. Si prega di accettare i cookies e per il caricamento delle informazioni, proprio come qualsiasi altro sito su Internet . Utilizzando il nostro sito web si accetta la nostra Privacy Policy e Termini di servizio . Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Cookie Law.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information